Contrasto alle disuguaglianze sociali, lotta alla povertà e un welfare capace di ampliare le protezioni offerte dal sistema dei servizi sociali per rispondere meglio ai nuovi bisogni delle persone. Sono questi i principali obiettivi del Piano sociale regionale 2017-2019. Si tratta del primo “Piano regolatore” delle politiche sociali di cui la Regione Lazio si dota dal 1999.

Gli investimenti complessivi per il triennio di programmazione del Piano sociale regionale ammontano a circa 583 milioni di euro.

Il Piano si propone in particolare di raggiungere nel prossimo triennio otto specifici “obiettivi di servizio” per razionalizzare, consolidare e migliorare il sistema integrato dei servizi e degli interventi sociali e sociosanitari in tutto il territorio regionale in favore di persone e famiglie a rischio esclusione sociale.

  1. più investimenti per contrastare la povertà;
  2. aumentare la coesione delle comunità locali, migliorando il lavoro tra i soggetti che hanno responsabilità socio-assistenziali anche attraverso ere e proprie reti di solidarietà;
  3. ridurre l’isolamento e la solitudine delle persone a maggior rischio di esclusione sociale attraverso il potenziamento dei servizi domiciliari e di prossimità;
  4. assicurare servizi di qualità in tutti i territori in modo omogeneo in tutto il Lazio, diminuendo le incertezze in merito al diritto alle prestazioni sociali e sociosanitarie, introducendo i Livelli essenziali delle prestazioni sociali;
  5. accedere più facilmente ai servizi sociali, soprattutto per le persone più esposte al rischio di emarginazione sociale, attraverso l’integrazione dei sistemi di welfare e dei punti unici di accesso ai diversi servizi;
  6. generare autonomia, aumentando l’appropriatezza, la qualità e l’efficacia degli interventi, in una logica di welfare generativo mediante l’adozione di misure che favoriscono l’autonomia personale, evitando ogni forma di dipendenza assistenzialistica;
  7. migliorare l’efficienza del sistema mediante l’adozione di un rigoroso metodo di programmazione e valutazione dei servizi;
  8. incrementare la disponibilità e l’utilizzo di informazioni tempestive e di dati affidabili che consentano una buona programmazione e gestione del sistema dei servizi sociali e sociosanitari.
Ecco il Piano Regionale Sociale 2017-2019 admin